L’obiettivo di Google è ed è sempre stato quello di ottimizzare la qualità dell’esperienza utente. Per questo motivo Google ha investito molto tempo e risorse nella ricerca di una formula per comprendere meglio l’esperienza dell’utente sui siti web. Alcuni esempi degli strumenti promossi a questo scopo sono: Pagespeed Insights, Mobile-friendly Test, Lighthouse, AMP, Chrome UX Report… Da qui i Core Web Vitals nascono come un modo per unificare le metriche e stabilire criteri facili e semplici che definiranno una buona esperienza utente. Questi criteri ci mostrano una chiave importante per il successo a lungo termine di qualsiasi sito sul web. Anche se nell’articolo di oggi come seo agency specializzata diventeremo un po’ più tecnici, il suo contenuto è rivolto a tutti: che tu sia un imprenditore, un responsabile marketing o un programmatore.

Optimize the quality of user experience

Quali sono i principali Web Vital?

Come abbiamo discusso in precedenza, Core Web Vitals è una recente iniziativa di Google che mira a fornire una guida unificata ai segnali di qualità al fine di comprendere quali metriche o azioni dobbiamo prendere in considerazione per offrire un’esperienza utente eccellente sul nostro sito Web. In questo modo, possiamo facilmente identificare quali problemi UX e WPO ha il nostro sito Web e trovare le azioni necessarie per risolverli.

Obiettivi di Core Web Vitals

Il primo, focalizzare la nostra attenzione sull’utente. Fino ad ora, abbiamo sempre pensato solo al tempo, ed è per questo che abbiamo esaminato metriche come TTFB o tempo di caricamento HTML. Ma la verità è che molti di questi non indicano un momento chiave per l’utente né lo influenzano. Per questo motivo Google ci ha portato i CWV per cercare di cambiare questo focus, e focalizzarlo totalmente sull’esperienza dell’utente. Pertanto, ora è necessario basarsi maggiormente su domande come:

Quanto tempo ci vuole per visualizzare i contenuti? Quanto tempo ci vuole per caricare il contenuto principale della pagina? O quanto tempo ci vuole per poter usare il web? In sintesi: si passa dall’analisi del tempo di caricamento all’esperienza dell’utente.

Il secondo obiettivo è la semplificazione. Come abbiamo già detto, nel tempo abbiamo visto molti tipi di indicatori. In questo modo, gli oltre 15 indicatori sono stati semplificati in 3. Ora questi strumenti possono essere utilizzati non solo da programmatori o layout designer con conoscenze tecniche, ma da tutti gli utenti del mondo del marketing digitale.

Il terzo obiettivo è aiutarci a ottimizzare le nostre pagine web. Grazie agli strumenti forniti da Google, possiamo vedere esattamente in che modo. Abbiamo il controllo sulle misure che stiamo implementando.

Abbattere il CWV

I Core Web Vitals sono costituiti da 3 elementi: LCP, FID e CLS. Ognuno di loro tocca un aspetto essenziale del web che se riusciremo ad ottimizzarlo ci aiuterà non solo a migliorare il nostro SEO ma ad ottenere una buona user experience. Vediamoli uno per uno!

FID or First Input Delay

Definizione: tempo impiegato dal browser da quando viene effettuata un’interazione (un clic) fino a quando non è in grado di elaborarla. Importante da tenere a mente, non misura il tempo fino al caricamento dell’elemento, ma il tempo in cui è in grado di elaborarlo.

La sua importanza: mostra a Google l’impressione che prende l’utente quando fa clic. Questa volta varierà molto a seconda dell’elemento, del browser e di quando viene effettuato il clic.

Riferimenti:
Buono: sotto i 100 millisecondi
Migliorabile: tra 100 e 300 millisecondi
Cattivo: superiore a 300 millisecondi

LCP or Largest Contentfull paint

Definizione: rendering o caricamento dell’elemento di contenuto più grande visualizzato nella parte superiore della pagina. Va da quando il web inizia a caricarsi fino a quando quell’elemento è completamente carico. Questo elemento può essere un video, un’immagine, un titolo…

La sua importanza: perché è un momento molto importante per l’utente poiché costituisce il momento in cui l’utente può iniziare a consumare il contenuto del web.

Riferimenti:
Buono: inferiore a 2,5 secondi
Migliorabile: tra 2,5 e 4 secondi
Cattivo: superiore a 4 secondi

Come effettuare l’analisi dei Core Web Vitals per il tuo sito web?

In primo luogo, sceglieremo all’interno del nostro sito una pagina significativa per ogni gruppo. Ad esempio, se stiamo parlando di un negozio online, sarebbe la home page, una di categoria, una sottocategoria (se presente) e una pagina di prodotto. Da qui dobbiamo eseguire i principali strumenti di Google (Page Speed Insights e Lighthouse) in ognuno di essi, per poter vedere dove siamo e quali punti devono essere migliorati.

Infine, si consiglia vivamente di rivedere le metriche della competizione utilizzando la stessa tecnica. L’ideale sarebbe poter fare un confronto tra i tuoi tempi ed errori e quelli della tua concorrenza per ciascuna delle categorie o gruppi di pagine del tuo sito web. Ciò significa confrontare la nostra home page con la home page dei nostri concorrenti, la nostra pagina del prodotto con la loro pagina del prodotto… e così via. Alla fine, non dobbiamo raggiungere la perfezione, ma superare i nostri concorrenti.

Altri aspetti da considerare

Il FID non è presente in nessuno degli strumenti poiché è un elemento che dipende dall’utente reale. Pertanto, per ottimizzarlo, ti consigliamo di guardare il TBT (tempo di blocco totale) poiché è un indicatore molto vicino.

D’altra parte, è importante analizzare i diversi test e confronti con metriche stabili e in un ambiente fisso. In altre parole, non ha senso testare un giorno in un browser e un altro giorno in un altro. Per fare ciò, consigliamo di eseguire i test tramite gli strumenti che Google ci offre e di farlo in un ordine specifico:
Innanzitutto, per analizzare l’esperienza dell’utente, possiamo vedere i dati tramite Google Search Console, Web Vitals Extention e Page Speed ​​Insights. Una volta individuati i punti da modificare, dobbiamo applicare le modifiche ed effettuare dei test tramite strumenti come Page Speed ​​Insights, Google Lighthouse e Chrome devtools. Google Lighthouse è un’ottima opzione poiché esegue i test come se fosse un cellulare Motorola G4 con poco processore e connessione lenta. Per poter guardare in altri ambienti abbiamo la possibilità di farlo con Chrome devtools dove puoi scegliere il dispositivo e il tipo di connessione per configurare completamente l’ambiente.

In che modo i Core Web Vitals influiscono sulla SEO?

I Core Web Vitals NON sono ancora un fattore di posizionamento e non influiscono direttamente sulla SEO.

Tuttavia, Google ha già annunciato che saranno inclusi nel loro algoritmo nel prossimo futuro. Le ultime notizie indicano che questi saranno inclusi a inizio del 2022 (Google avviserà 6 mesi prima). Come puoi vedere, non abbiamo molto tempo a disposizione ed è per questo che molte persone ci stanno già lavorando.

Quindi, in che modo i CWV possono influenzare il posizionamento del mio sito web?

Quando sono inclusi, possiamo trovare due possibili scenari:

  • Che prendano parte come fattore di ranking. In questo caso, i CWV saranno un ulteriore elemento che ti aiuterà a guadagnare o perdere il posizionamento del tuo sito web.
  • Elemento di penalità. Avere scarsi risultati nei vari elementi di CWV può farti penalizzare Google e peggiorare le tue classifiche.

Ad ogni modo, i CWV giocheranno un ruolo molto importante nel nostro posizionamento e ci aspettiamo molti cambiamenti nella visibilità e variazioni nelle SERP quando saranno incluse.

Conclusione su CWV

  • I Core Web Vitals si basano sull’esperienza dell’utente e non solo sul tempo di caricamento.
  • I Core Web Vitals sono stati creati con l’obiettivo di semplificare e aiutare a quantificare l’esperienza del nostro sito e identificare le opportunità di miglioramento.
  • Si basano su 3 elementi: LCP, FID e CLS.
  • Eseguiamo sempre i nostri test con l’ausilio di strumenti che ci consentono di impostare gli elementi dell’ambiente.
  • I CWV non influiscono ancora direttamente sul posizionamento del nostro sito Web, ma potranno farlo a partire dal 2022.

Vuoi migliorare le tue metriche di Core Web Vitals? Nella nostra agenzia seo a Udine; siamo specialisti nell’aiutare tutti i tipi di aziende a vendere online. Tutti i nostri siti Web sono progettati per rispettare le linee guida di Google sulla velocità e l’esperienza utente. Se hai bisogno di una mano con l’ottimizzazione della tua pagina web o per migliorarne la velocità e il posizionamento, non esitare a contattarci. Saremo felici di aiutarti a migliorare le tue vendite!

Tags: